#alfabetiereprivato: niente di personale per #AzzurraDAgostino

Azzurra D'Agostino

“..Dai vetri spiamo i passanti. Un forestiero che ama la città, i bui tra l’uno e l’altro lampione.

È questo quello che siamo? Perdersi, stupire, essere come possiamo”.

Versi meravigliosi, quelli della poetessa Azzurra D’Agostino tratti da “Vigilia”, delicatissima lirica sul senso del qui e ora, inserita in “Alfabetiere privato” (edizioni LietoColle, in collaborazione con Pordenonelegge) una raccolta Read More

Annunci