#quattrotazzeditempesta: così #nelbeccodelgallo arriva su #radioradiosa

Ascolta l’audio della prima puntata di “Nel becco del gallo“, in onda tutte le domeniche alle ore 9.00 su Radio Radiosa

http://bit.ly/nelbeccodelgallo_1

federica-bruniniIn un paesino del Sud della Francia, Viola, una ex modella di 40 anni, vive con la sua piccola cagnolina a Le Calmette, per lei una sorta di luogo dell’anima.

Viola ha un negozio di the provenienti da tutto il mondo. La sua passione e la sua specialità sono quelle di trovare la miscela giusta per le emozioni di ciascun cliente, inventando persino ricette di pietanze a base di the. C’è un infuso per ogni stato d’animo: strappa-sorrisi, leva-paura, antimalinconia, sveglia-passione, porta-passione, e c’è persino il the abbraccio!

Per il suo compleanno, ogni volta Viola raduna a Le Calmette le sue 3 amiche più strette: Maria Vittoria, che tutte chiamano “Mavi”, Chantal e Alberta. Si conoscono da molto, e credono di conoscersi a fondo. In realtà ognuna di loro cova dentro una profonda inquietudine, che questa volta… gli infusi di Viola, e una serie di situazioni, porteranno a rivelarsi. Con non poche sorprese.

Tutto questo ce lo racconta Federica Brunini, scrittrice e giornalista, nel suo ultimo romanzo “Quattro tazze di tempesta”.

img_8835Ma sbaglieremmo a pensare ad un romanzo per sole donne. “Quattro tazze di tempesta” è per tutti quelli che hanno la capacità di scendere agli inferi, di attraversare una tempesta e di uscirne trasformati.

Certo, resta qualche cicatrice, ma siamo …sicuri che queste non ci rendano ..davvero irripetibili, e in un certo senso..migliori?

Lo sostiene anche Federica Brunini, che in Quattro tazze di tempesta richiama l’antica tecnica giapponese del kintsukuroi, attraverso la quale si riparano le ceramiche con minuscole colate di oro e di argento. Come se dalla imperfezione e da una ferita potesse nascere una unicità, una forma di maggiore perfezione estetica e interiore.

A questo proposito, voglio leggervi alcuni brevi versi che ho scritto qualche tempo fa, osservando, e sfiorando, un segno sul mio corpo.

Ecco i versi di …“Cicatrice”:

Perché distogli lo sguardo
dal mio lucido turgore?
Ho fatto quanto potevo
col resto del tessuto!

Ricombinare pezzi
è mestiere antico
ma il segno resta
dentro quell’inciso.

Le tue dita inquiete
percorrono il cordone,
camuffi con carezze
il forte turbamento.

Per me, unica parte
profonda e vera,
di ciò che offri al mondo
nel levigato apparire.

Ma queste sono solo alcune pillole di Quattro tazze di tempesta. Domenica 11 settembre, su Radio Radiosa, abbiamo parlato di molto altro ancora anche intervistando la scrittrice nella prima puntata di Nel becco del Gallo, la trasmissione di parole e musica in onda ogni domenica, dalle 9.00 alle 10.00, come invito alla lettura e all’ascolto: scarica allora il podcast dalla pagina Facebook di Radio Radiosa Music, oppure clicca sul link in alto nella pagina, e ascolta la trasmissione! Troverai molte sorprese, e spunti di riflessione.

Ma soprattutto, non mancare l’appuntamento con Radio Radiosa domenica 18 settembre, sempre dalle 9 alle 10, per la seconda puntata di

Nel becco del gallo…. Sperando che canti!

Sergio Gallo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...